Correggi l’errore

Quante volte mi è successo di sentir qualcuno affermare che la matematica sia noiosa, difficile, artificiosa, una materia da matti. Come dar torto a questo qualcuno? Dal suo personalissimo punto di vista le cose stanno probabilmente proprio come le descrive. De gustibus, diceva qualcuno. Capita tuttavia anche di sentirsi dire, perfino con un pizzico di arroganza, come se si consumasse una vendetta personale, guarda che la matematica è contraddittoria, non è una scienza esatta. Chissà, magari questo messer qualcuno ha ragione anche su questo, e quando si riuscirà a dimostrare l’incoerenza della matematica potrebbe scoppiare un bel putiferio, come tratteggiato nel racconto Contraddizioni di Maurizio Codogno. Tuttavia per adesso le cose sembrano funzionare, e quelle che talvolta vengono scambiate per contraddizioni altro non sono che errori non del problema ma di chi, malamente, tenta di risolverlo.

Vi propongo dunque due situazioini apparentemenre contradditorie… sapete scovare l’errore nel ragionamento?

Errore: 1=2?

Errore contraddizione

 

Errore: La pizza salatapizza1

Tre amici passano la serata in pizzeria. Quando arriva il momento di pagare Giulio osserva il conto e commenta: “Mmhh… 60 euro. 20 euro a testa. Un po’ salato il conto, non vi pare?” E così i tre mettono, un po’ di malavoglia, 20 euro ciascuno. Lucia fa però notare la cosa al proprietario, che risponde: “Beh, visto che siete clienti affezionati vi faccio uno sconto…vi restituisco 10 euro”. “Bene!” Esclama Marco. “Ne lasciamo 4 di mancia alla cameriera e dividiamo i restanti 6. Vi va?” Tutti acconsentono e si riprendono 2 euro a testa. “Così abbiamo speso 18 euro a testa, 54 euro in tutto”, dice Giulio. “Un momento!” esclama Lucia, “18 a testa sono 54 in tutto, più 4 di mancia alla cameriera, fanno 58…mancano 2 euro!” Il proprietario si addormenta su una sedia mentre i tre cercano, senza successo, di far tornare i conti… sapresti dire che fine hanno fatto quei 2 euro?

Lascia un commento

commenti

Davide L.

Davide L.

Autore ed amministratore del sito, studente di Astronomia all'università di Padova.

2 Comments:

  1. Nel primo caso non viene rispettata quella cosa orribile che è il campo di esistenza. Nel quarto passaggio non puoi dividere per (a-b) in quanto avendo le due incognite lo stesso valore sarebbe come dividere per 0. Il secondo paradosso l’avevo già risolto a suo tempo, ne riparliamo appena ci vediamo, visto che la soluzione è bella lunga a memoria mia…

  2. Pingback:Giochi, articoli, illusioni - Ripetizioni Matematica Padova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *